Sono nato ad Asti, il 4 maggio 1967. Asti è una piccola città di provincia, ma attraverso la lettura e lo studio è come se avessi avuto il privilegio di girare il mondo... e forse molto di più. Dopo gli studi classici, mi sono iscritto a giurisprudenza all'Università di Torino, dove ho avuto la possibilità di conoscere non solo il diritto italiano, ma i sistemi di Common Law, alcuni ordinamenti del medio ed Estremo Oriente e persino dell'Africa. Dopo essere entrato in pubblica amministrazione ho continuato a studiare e da ultimo nel 2009 mi sono laureato in Biologia Sperimentale presso l'Università di Pavia. Mi sono formato sui testi di Leibniz, Voltaire, Popper, amo Kafka e Buzzati. Ascolto musica classica. Dal 2005 dirigo l'Archivio di Stato di Asti.

 

In materia organizzativa non amo il modello industriale, non perchè sia un tipo d'organizzazione privo di elementi interessanti, ma perchè è semplicemente superato. Lo scorso anno (2010) al congresso mondiale organizzato dall'International Institute of Administrative Sciences ho presentato l'organizzazione ecologica. Questo modello non solo tende ad essere più attento all'impatto di un'organizzazione all'ambiente, ma anche alle esigenze dei lavoratori e, proprio come un ecosistema naturale, si adatta sia alle esigenze interne che esterne. Si tratta essenzialmente di un modello sperimentale.

 

Non solo ma questa tipologia organizzativa è molto simile al mondo in Rete di Internet. In essa non vi è un vero e proprio centro, ma migliaia di nodi, che scambiano informazioni. Pianificazione e programmazione saranno presto sostituite da creatività, individualità, autovalutazione condivisa.

In fondo il nostro cervello funziona così e dal caos della complessità informativa scaturisce il comportamento organizzato.

L'organico dell'Archivio di Stato di Asti è di sei dipendenti così suddiviso:

 

Area III (ex Direttivi)

 

  • Funzionari Archivisti (Direttore e responsabile sala studio)

 

1 unità

 

Area II (ex Impiegati di concetto ed esecutivi)

 

  • Assistenti alla vigilanza, sicurezza, accoglienza, comunicazioni e servizi al pubblico:

 

2 unità.

 

  • Assistenti Biblioteca:

 

1 unità

 

  • Assistenti amministrativi:

 

1 unità.

 

  • Assistenti tecnico-scientifici:

 

1 unità.

 

 

 

Totale organico:

 

6 unità

 

{gallery}immagini{/gallery}

000
008
025
37
040
047
051
acfa
aereo1
archi
calrloalberto2
chiocciola
corale
corri
dsc01011
dsc01020
dsc01028
dsc_3927
dsc_3933
dsc_8218
dscf0827
dscf0835
dscf0877
facciata
nudo
remotti2
remotti3
sede_html_411b5a7e
tab
vittorioemanuele
01/30 
start stop bwd fwd

Euclide verso il 300 a.C., dissertando sul pentagono, al XIII libro dei suoi Elementi, fornisce la definizione della divisione di un segmento come ἄκρος καὶ μέσος λόγος, media e ultima ragione.

Da quel momento, grandi scoperte matematiche, incontrarono casualmente, ma inerosabilimente, un celebre numero, che per le sue proprietà, presto verrà chiamato divino e poi aureo:

F = 1,6180339887 ...

 

 

Tale numero si ottiene (cfr figura sopra) quando si verifica la proporzione 

BC : AB = AB : AC

e, dopo i dovuti passaggi, uguale al rapporto

AB/BC = 0,618/0,382 = F

 

Questo numero, però, è anche il valore della bellezza e molti straordinari monumenti architettonici, pittorici, scultorei e musicali lo nascondono tra le loro dimensioni Esso è anche probabilmente è la più antica teoria delle proporzioni e dell'armonia della storia dell'arte. Lo troviamo così nella piramide di Cheope, nel Partenone, fino al palazzo delle Nazioni Unite. Persino nelle 33 variazioni sopra un valzer di Dabelli scritte da L. van Beethoven si ritrova uno schema compositivo riconducibile al numero aureo.

A questo punto mi sono domandato, vuoi vedere che anche nell'Archivio di Stato di Asti si nasconde il numero aureo? Nella sala del Coro di Benedetto Alfieri a mo' di separazione tra il coro diurno e notturno vi è un arco, bello, imponente. La misura della base è 6,45 mt. L'altezza dall'attuale soletta 4,017 mt. Provate a dividere la base e l'altezza... e magicamente appare il numero:

1,61812

Anche l'Archivio di Stato ora potrà vantare di avere tra le sue strutture il numero della bellezza!

Asti,  12 maggio 2012

 Renzo Remotti

Joomla templates by a4joomla